Terzo anno di studi della Medicina Tradizionale Cinese e avevo ancora un blocco ad usare la penna Cromomed. Restava lì sul tavolo, nel mio studio di operatrice craniosacrale e non osavo toccarla. Non mi sentivo mai pronta, pretendevo di dover conoscere ogni anfratto della Medicina Cinese PRIMA di poterla utilizzare. Poi ho deciso di usarla su di me che ancora ho qualche traccia di una paresi del nervo facciale. I risultati sono stati così sorprendenti ed è stato così semplice usarla che ora entra a far parte di tutte le mie sedute e integra la mia tecnica craniosacrale. I trattamenti sono diventati molto più efficaci e le mie paure sono del tutto scomparse. Rintracciare e localizzare i punti è davvero molto semplice: grazie alle mappe dettagliate che compaiono sullo schermo le mie dita rintracciano il punto con estrema precisione. La mia abitudine al lavoro sul sistema craniosacrale mi fa ancora partire dall’ascolto del corpo prima di iniziare a ipotizzare una sindrome, ma una volta fatta l’ipotesi non devo preoccuparmi di ricordare il protocollo che vi corrisponde e quindi la seduta scorre fluida e senza dubbi. Uso la penna Cromomed anche a casa, spesso: i mal di gola di mio figlio scompaiono, i dolori cervicali di mio marito sono subito sotto controllo e una volta alla settimana aiuto mia madre a tenere più alte le difese immunitarie.

Grazia Sferrazza